Capaccio-Paestum

Capaccio sorge su di uno sperone del monte Calpazio, nella piana di Paestum, tra i monti Soprano e Sottano, alla sinistra del torrente Solofrone. Fa parte del Parco del Cilento e Vallo di Diano.
Il più popoloso centro abitato del comune è la frazione Capaccio Marittima (Capaccio Scalo), mentre risonanza internazionale ha  Paestum, la città romana sorta sulla colonia greca di Poseidonia. La zona archeologica di Paestum è uno dei principali parchi archeologici del mondo, dotato di un museo, ed è riconosciuto dall'UNESCO come patrimonio dell'umanità. In esso si possono ammirare tre templi greci fra i meglio conservati del mondo.
 

  

 

Particolarmente importanti sono i tre grandi templi, due di ordine dorico, e uno di ordine dorico/ionico, che costituiscono alcuni dei migliori esemplari di questi stili.


 Il Tempio di Hera: chiamato la "Basilica" (ca. 540 a.C.), era uno dei più grandi templi greci costruito in pietra. E' ll più antico dei tre e reca i segni della sua arcaicità in alcune peculiarità strutturali, ad esempio nella peristasi enneastila (di 9 colonne) sui lati brevi.

Il Tempio di Athena (ca. 500 a.C.): in precedenza noto come tempio di Cerere, è più piccolo, ma più equilibrato nelle forme, e presenta colonne ioniche nel pronao.

Il Tempio di Poseidone: ma in realtà anche questo dedicato ad Hera, mostra le forme mature del tempio di Zeus di Olimpia.

 

  

 

Esiste anche, a circa 1 chilometro da Paestum, una necropoli del Gaudo con una trentina di tombe denominata Necropoli del Gaudo, attribuita alla facies culturale definita cultura del Gaudo.

Da visitare anche l'Heraion alla foce del Sele, un antico santuario della Magna Grecia dedicato alla dea Era, situato in origine alla foce del fiume Sele, a circa 9 Km da Paestum.

Bisogna anche menzionare un piccolo anfiteatro romano, un luogo d'incontro dei cittadini, il comitium, ed altri edifici pubblici di epoca romana. Anche le mura cittadine (4,75 km) sono ben conservate e si possono riconoscere le fasi costruttive lucana e romana. Le quattro grandi porte cittadine sono romane.

 

  

 

Da visitare il Museo Archeologico Nazionale di Paestum dove c'è una importante collezione di antichi oggetti greci dell'Italia meridionale. Sono esposti pezzi derivati dai ritrovamenti dei dintorni di Paestum, in primo luogo i corredi funebri provenienti dalle necropoli greche e lucane. Tra questi molti vasi, armi e dipinti. I più importanti sono i dipinti provenienti dalla celebre Tomba del tuffatore (480-470 a.C.), unici esempi di pittura greca di età classica e della Magna Grecia, che interpretano la transizione dalla vita al regno dei morti, come un salto del tuffatore nell'acqua.

Paestum è anche località balneare dotata di una bella spiaggia sabbiosa, lunga 15 km, cinta da una rigogliosa pineta e affacciata sul mar Tirreno. Ci sono numerose attività turistiche, hotel e luoghi di intrattenimento.

 

(Notizie tratte dal sito Wikipedia)


 

Cerca Hotel, B&B, Casa Vacanze, Agriturismo a Capaccio-Paestum