Petina

Il comune di Petina (Parco del Cilento e Vallo di Diano e Comunità Montana Zona degli Alburni) si trova alle pendici degli Alburni, sotto i monti Forloso e Pietralata, in un territorio ricco di boschi di faggi, pini e lecci e conserva ancora oggi tutte le caratteristiche di un piccolo borgo medievale, che sembra incollato alle pendici degli Alburni.

 

     

 

La parte più antica del paese, di epoca medievale, è quella situata alle spalle della piazza principale Umberto I, dove c'è la Chiesa Parrocchiale dedicata a San Nicola di Bari e il Municipio, nell'ex palazzo Monaci.

Da citare sono senz'altro le strutture antiche come la costruzione di inizio secolo della "Fontana vecchia", che presenta tre bocche d'acqua e nel passato costituiva luogo di incontro e di "lavatoio". Le acque limpide e fresche, sono alimentate da una delle tante sorgenti degli Alburni.

Il "Convento di S. Onofrio" risalente al XII secolo, è il monumento più antico di Petina, una volta abbazia benedettina e luogo di preghiera dei Santi Onofrio e Donato. Ora in stato di abbandono, ma per circa sei secoli perno di riferimento per tutte le zone circostanti, dove è vissuto e si è santificato il giovane benedettino S. Donato da Ripacandida Protettore del comune di Auletta.

Molto sentita è la festa di di "S. Onofrio", patrono del paese che si festeggia l'1 e il 2 agosto.

Da non perdere la “Sagra della fragolina di bosco" che viene festeggiata l'ultima domenica di giugno.


 

(Notizie ed immagini tratte dal sito del Comune di Petina)


 


 

Cerca Hotel, B&B, Casa Vacanze, Agriturismo a Petina