Centola

La popolazione del comune di Centola si concentra, durante la stagione estiva, nella frazione di Palinuro, rinomata località balneare del parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Per il resto dell'anno Centola rimane il centro più popoloso.

Le frazioni del comune di Centola sono: Palinuro, Forìa, San Nicola di Centola, San Severino di Centola.

Palinuro è la famosissima località balneare, il cui nome è legato ad un personaggio dell'Eneide, il mitico Palinuro, nocchiero della flotta di Enea. Palinuro si estende sulla piccola penisola dell'omonimo promontorio, Capo Palinuro, rinomato per la bellezza paesaggistica e per la presenza di grotte sottomarine (le famose Grotte di Palinuro, tra cui la straordinaria grotta azzurra).

 

  

 

Il centro può contare su un bellissimo corso pedonale circondato da negozi, botteghe artigiane, ristoranti e pizzerie. Il porto turistico, posto alla base settentrionale di Capo Palinuro, è collegato con la costa salernitana e napoletana tramite un servizio di aliscafi: il "Metrò del Mare".

 

     

 

Tramite la variante alla superstrada SS 18, Palinuro è facilmente raggiungibile dall'interno, da uno svincolo distante circa 8 km.

La stazione ferroviaria (a circa 7,5 km) è quella di Pisciotta-Palinuro (collegata a Palinuro centro tramite autobus).

Assolutamente da visitare è il borgo medievale di San Severino (altra frazione di Centola).

 

     

(ultime 2 foto tratte dal sito www.fotoeweb.it/cilento)

 

Il borgo medievale di San Severino di Centola è nato intorno al 1200 ai piedi del castello, fondato verso il 1045 dal normanno Turgisio, giunto nella regione al seguito di Roberto il Guiscardo. Il nome deriva dalla famiglia Sanseverino, che lo tenne, insieme con altri feudi nell'Italia meridionale, fino al 1400. Il suggestivo borgo è situato sui dirupi della Gola del Diavolo, dove nel 1075 venne ucciso in una imboscata il longobardo Guido, Conte di Policastro. Alle sue pendici scorre il fiume Mingardo. In epoca medievale era una postazione strategica di difesa. È situato all'interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano ed è oramai non più abitato. Percorribile attraverso un percorso attrezzato, è possibile vedere le vecchie case abbandonate e le mura del castello anche di sera. Di notevole interesse il presepe vivente che si celebra ogni anno il 28 dicembre.

 

Cerca Hotel, B&B, Casa Vacanze, Agriturismo a Centola